Il viaggio antropologico: quando alla scoperta dell’altrove si affianca l’incontro con l’altro

Chi sono? Perché sono in viaggio? Cosa cerco? Quando parto e dove sono diretto?

Ecco le coordinate essenziali del moderno antropologo, ecco le cinque domande fondamentali che lo guideranno in ogni visita a un nuovo paese e in ogni approccio con una realtà diversa dalla propria.

Ognuno di noi può essere un antropologo moderno, artigiano di viaggi fuori dal comune, spinto a scoprire il mondo con la voglia di mettersi in gioco e nutrito dal miele della libertà. 

Lo spirito di curiosità che lo anima è quello di chi sa, ma è pronto a meravigliarsi, di chi ha delle aspettative, ma lascia che le cose accadano… perché è lì il segreto della vera scoperta. 

Sapersi diversi, accogliere l’alterità e aprirsi a ciò che s'incontra è l’unico approccio possibile per un dialogo capace di tessere il percorso del viaggio con trame uniche e per tenere lontani i pregiudizi, ma anche i facili buonismi o le giustificazioni. 

Artifici, finzioni e grandi narrazioni sono gli strumenti attraverso cui, negli ultimi secoli, sono state costruite le culture e si sono modellate le alterità. Non falsi d’autore né menzogne commerciali, piuttosto true fiction, cioè sceneggiature di popoli ed etnie che in parte si raccontano e in parte si lasciano raccontare dallo straniero: colonizzatore, pellegrino, soldato, mercante o turista che sia, tutti siamo parte della messa in scena che è ogni Cultura. “Guardiamo sopra le spalle” di quella e la viviamo come un’esperienza soggettiva, proiezione delle nostre conoscenze e cognizioni. Viceversa, siamo scrutati dall’Altro, straniero e sconosciuto, eppure familiare, che ci ritrae e ci interpreta a modo proprio. 

Cos’è reale allora? Cos’è puro, chi è autentico? Niente, nessuno, oppure tutti, o meglio, tutto ciò che nasce dal sorprendente incontro tra il viaggiatore che osserva e l’Altro che si vede guardare. Frutti, dunque, impuri e impazziti dall’incontro che, tuttavia, è sempre stato e sarà ogni volta inaspettato e irripetibile. 

 

Dai calzoncini color cachi alla tastiera di un computer

Akha Village_LaosDalla fine del XX secolo, l’antropologo in calzoncini color cachi, cappello a falde larghe e binocolo cede il passo a tutta una schiera di viaggiatori, studiosi e turisti di ogni genere, a spasso in ogni angolo del pianeta. E, nello stesso momento, il tipo di conoscenza scientifica a proposito di popoli e culture lontane fornita dagli etnografi e da altri ricercatori viene scalzata da un’informazione generica e sommaria, ma accessibile e comprensibile a tutti... alla portata di un clic.

Che sia a scopo divulgativo, informativo, turistico, promozionale, pubblicitario, religioso, umanitario, moltissime sono le informazioni che si possono trovare in rete sulle più piccole tribù o etnie abitanti i luoghi più remoti del pianeta. E tutte queste fonti affermano la loro verità, una verità che bisognerebbe verificare in loco… 

Ad ogni modo, soddisfare la curiosità di tutti non è più solo una prerogativa degli esperti, ma può essere appagata con pochi battiti di tastiera che, in frazioni di secondo e a costo zero, fanno arrivare davanti ai nostri occhi il folkore e le tradizioni più esotiche che nemmeno un viaggio alla Indiana Jones potrebbe eguagliare.

Ma come ignorare gli effetti che una simile diffusione di conoscenza di scarsa qualità ha avuto, e come ignorare la diffusissima spettacolarizzazione di genti, culture e tradizioni costruite ad hoc che mettono in scena gli usi e i costumi di alcuni popoli a servizio di altri? Eppure nessuno di noi, scienziati ed esperti compresi, è del tutto estraneo a questo sistema informatico e informativo che, viaggiando via etere, inscatola l’intero pianeta Terra in lattine monodose pronte all’uso. Dal polo sud all’estremo nord, lungo tutta la scacchiera di meridiani e paralleli del geoide Terra, nessuno è esente dal trattare l’Altro o dal concepire il diverso così com’è: uno Straniero che parla una lingua incomprensibile, fa cose bizzarre, mangia cibi pazzeschi e desta sempre, in tutti, un irresistibile sentimento misto di curiosità e diffidenza. 

Brunella Bonetti | Antropologa culturale, esperta in studi sull'intercultura e le relazioni di genere. Ricercatrice presso l'Università di Parigi 7 Diderot e l'IRCRES (Istituto per le Ricerche sulla Crescita Economica Sostenibile) di Torino.

 

 

 

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Twitter
crediti

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.