Le tartarughe marine: da un’evoluzione lunga milioni di anni al rischio di estinzione

Le tartarughe marine sono rettili molto antichi, presenti sulla terra da più di 100 milioni di anni. Evolutesi sulla terraferma, si sono ben adattate anche all’oceano, dove trascorrono tutta la loro vita risalendo comunque in superficie per respirare ossigeno e tornando sulle spiagge esclusivamente per deporre le uova.

Esistono sette specie di tartarughe marine, alcune più diffuse come la tartaruga comune Caretta caretta e la tartaruga verde, altre che vivono solo in aree ristrette come la piccola tartaruga di Kemp presente solo nel Golfo del Messico o la tartaruga piatta presente nell’Oceano Pacifico in Australia e Papua Nuova Guinea.

Leggi tutto...

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Twitter

La flora delle Seychelles: un tesoro botanico di duemila specie protetto dal lungo isolamento

Ci sono luoghi estremi dove non cresce niente, per esempio deserti e ghiacciai, per il resto è difficile trovare angoli delle terre emerse in cui la vegetazione non sia presente. 

Sappiamo che ciascuna terra ha le sue piante, ma su questa ovvietà lapalissiana dobbiamo intenderci: in ogni territorio ci sono piante spontanee che nessuno accudisce e piante la cui presenza e propagazione sono assicurate solo da chi ce le porta e le coltiva. Le prime vantano il blasone della propria naturalità, anche se influenzata da Homo sapiens, le seconde invece realizzano, obbedienti, veri e propri progetti di questo stupefacente primate che si ritiene proprietario della biosfera.

Leggi tutto...

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Twitter

Letteratura di viaggio: i nostri consigli sui libri da leggere, rileggere e regalare

“Si viaggia (...) prima che materialmente (...) con la fantasia, eccitata da tutte le accumulazioni culturali, quegli strati in cui si sovrappongono parole, letture e immagini.” Dicearco da Messina

I libri di viaggio restituiscono l’eco del mondo, sono una finestra spazio-temporale custodita tra le mura di casa, un prezioso varco da aprire a comando per nutrire il desiderio di avventura e tener desta la curiosità. Partire sulle ali di un libro, scoprire il mondo attraverso lo sguardo attento, colto e partecipe di chi ha affrontato imprese non comuni con slancio pioneristico mi affascina.

Leggi tutto...

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Twitter

Monteverde, parco del Corcovado, penisola di Nicoya: la selvaggia Costa Rica (ultima parte)

In Costa Rica con il termine “Monteverde” si intende l’enorme distesa di foresta nebulare che ricopre le alture e le montagne a ridosso della costa pacifica del nord. Vista dall’alto è un’interminabile sequenza di rilievi e valli, un susseguirsi di chiome di alberi alti anche cinquanta metri, intervallate da fondivalle fluviali, pascoli e zone vallive meno impervie.

Una foresta lussureggiante, alimentata da una semiperenne cappa di nuvole basse, una nebbiolina che si forma dai contrasti termici fra l’altitudine delle montagne e le correnti atmosferiche provenienti dal vicino e caldo oceano Pacifico.

Leggi tutto...

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Twitter
crediti

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.